È intervenuto lo scorso 16 aprile, il vicepremier Matteo Salvini, al 40esimo Congresso di Legacoop che si sta svolgendo in questi giorni nella Capitale. Il ministro dell’interno nel corso del suo intervento ha espresso la sua posizione di apertura verso il mondo delle cooperative, sulla scia di un dibattito che si protrae ormai da tempo.

«Le porte del mio ministero sono aperte, perchè la cooperazione sana, che è la stragrande maggioranza della cooperazione, è fondamentale per l’Italia, dà lavoro a milioni di persone e rappresenta il 10% del Pil», queste le parole del Ministro che ha poi proseguito: «Quindi ci tengo a testimoniare che la battaglia è contro i furbi, non contro dei mondi, delle realtà. Non credo alle generalizzazioni. Per la cooperazione sana le porte del ministero sono aperte».

Fncs come ente rappresentante delle cooperative a lei associate ha accolto con entusiasmo le dichiarazioni tanto attese del Ministro. L’indomani il presidente della Federazione, Franco Malatesta, ha così commentato l’intervento di Salvini: «Siamo finalmente soddisfatti nel vedere riconosciuto dalle pubbliche istituzioni il nostro ruolo centrale per la crescita del Paese. Le parole di Salvini ci rendono fieri del nostro operato e accogliamo con enfasi l’apertura espressa dal viceministro verso il mondo cooperativo e del no profit. Da oggi siamo certi di poter ritenere il ministro un esponente istituzionale ‘affidabile’ e funzionale per la rete».